I Vescovi Italiani nel consegnare alle nostre Comunità il libro liturgico per l’istituzione dei ministeri scrivevano:
I laici chiamati a uno speciale ministero non saranno semplici esecutori delle indicazioni dei presbiteri e dei diaconi, ma veri animatori di assemblee presiedute dal pastore d’anime, promotori della corresponsabilità della Chiesa e dell’accoglienza di quanti cercano di compiere un itinerario di fede, evangelizzatori nelle varie situazioni ed emergenze di vita, interpreti della condizione umana nei suoi molteplici aspetti.

(CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA, Premesse a Istituzioni dei ministeri, 5)



COMPITI DEL LETTORE NELLE CELEBRAZIONI LITURGICHE

È compito proprio del lettore:

• verificare prima dell’inizio della celebrazione che tutto sia stato predisposto
  anche all’ambone, il Lezionario sia aperto alla pagina appropriata e che sia
  acceso l’impianto di amplificazione.
• esercitare il ministero rivestito della veste liturgica partecipando alla
  celebrazione fin dall’inizio con la presenza nella processione introitale.
• dall’ambone le letture della Sacra Scrittura, ma non il Vangelo.
• se non si esegue il canto introitale e di comunione ed i fedeli non recitano le
  antifone, dire le apposite antifone al tempo opportuno.
• ricevere la comunione immediatamente prima che il celebrante o il diacono
  inizino a distribuirla ai fedeli e fare la comunione sotto le due specie.

In mancanza del diacono può:
 
• portare il libro dei Vangeli nella processione introitale, procedendo davanti al
  celebrante.
• introdurre la liturgia del giorno, dopo il saluto del celebrante, ma non l’atto
  penitenziale.
• proporre, dall’ambone o altro luogo, le intenzioni della preghiera universale,
  rispettando lo schema proposto nel Messale e nell’introduzione
  all’Orazionale. • in assenza del diacono o dell’accolito, reggere uno dei vasi
  sacri nella comunione sotto le due specie.

In assenza del salmista e del cantore è compito del lettore:

• proclamare il salmo responsoriale dall’ambone.
• se debitamente preparato, dirigere il canto dei fedeli e guidare l’assemblea
  nella partecipazione alla celebrazione. Rientra inoltre nei compiti del lettore:
• curare la preparazione, compresa la dizione, dei fedeli che devono
  proclamare le Sacre Scritture e proporre le intenzioni della preghiera
  universale durante le celebrazioni liturgiche e accertarsi della loro presenza
  prima dell’inizio della celebrazione stessa.
• collaborare, in accordo con chi presiede, e con diacono, ministri e altri
  responsabili della celebrazione, nel predisporre tutto ciò che è necessario per
  favorire una maggiore partecipazione attiva dei fedeli alla Liturgia della Parola.
• nella celebrazione comunitaria della Liturgia delle Ore distribuire i vari compiti
  tra i fedeli presenti e proclamare il brano della Parola di Dio.
• in assenza del sacerdote o del diacono guidare, in accordo con l’accolito, la
  celebrazione della Liturgia delle Ore, osservando le norme stabilite.

Per ulteriori precisazioni o approfondimenti si consiglia la lettura del documento in allegato.

Ministri lettori istituiti a servizio della nostra comunità parrocchiale:
• Donato DI CEGLIE
• Giacinto COLANGELO
• Angelo MISINO

Al loro fianco un nutrito gruppo di “lettori stabili”. Di quest'ultimo gruppo tutti possono far parte (uomini o donne) purché si siano ricevuti i Sacramenti dell'Iniziazione cristiana, si sia impegnati nel condurre una vita conforme agli insegnamenti del Vangelo e non si sia in situazioni matrimoniali irregolari. Comunica al parroco la tua voglia di metterti a servizio della comunità, prestando la tua “voce” al Signore nella proclamazione della Sua Parola.







- LETTORATO.pdf

- IL LETTORE_MINISTERO ISTITUZIONE
  SPIRITUALITA.pdf


- LETTORI ISTITUITI.pdf

- LETTORI STABILI.pdf